Novità in libreria

TSD consiglia le novità in uscita a Luglio 2022

“Luglio col bene che ti voglio vedrai non finirà…”
E non finirà mai la nostra voglia di libri e di Storia, nemmeno a luglio col caldo che incalza. Giusto?
E allora andiamo a sbirciare tra le novità che troveremo in libreria partire da oggi e per tutto il mese di luglio!

Il vento dell’Etna. La saga dei Baruneddu di Belpasso
Anna Chisari
Garzanti
In libreria il 28 giugno

1838. L’Etna nella sua immensità protegge e spaventa, come una madre magnifica ed esigente che forgia vite e destini. Lo sa bene chi vive a Belpasso, il piccolo paese alle sue pendici. È lì che il giovane Puddu apre la sua bottega di calzolaio. La sua firma sulle scarpe è una farfalla, perché con le sue creazioni ai piedi più che camminare si vola. Per questo Puddu non riesce a capire come mai gli affari vadano così male. Tutto cambia quando le sue calzature finiscono tra le mani della Baronessa di Bridport in visita alle sue terre a Bronte. La nobildonna non ha mai calzato nulla di tanto soffice ed elegante, perciò decide di fare un regalo a Puddu: lo nomina Baronetto. Nasce così la dinastia dei Baruneddu, come si faranno chiamare. Il negozio con gli anni diventa un grande calzaturificio che esporta in tutta Europa. Ma se i soldi non sono più un problema, il cuore comincia a diventarlo. Perché alla male – dizione della vecchia Gnu Ranna nessuno può sfuggire. Sicuramente non Peppino, abbagliato dal sogno americano dopo aver conosciuto il dolore di un cuore infranto; né Ajtina, prima donna della famiglia decisa a far sentire la propria voce. Tantomeno Janu, che di scarpe non ne vuole sapere e fa carte false per sfuggire al laccio della famiglia e dei sentimenti. Tutto è cominciato con un sogno a cui i discendenti di Puddu guardano con riverenza, ma anche con sospetto. Le radici dicono da dove si viene, ma a volte vogliono decidere dove si deve andare. Sarebbe bello, forse, sentirsi leggeri come il vento che racconta del passato ma porta là dove non si sarebbe mai immaginato. Una saga familiare sullo sfondo di una Sicilia vera e autentica fatta di tradizioni e sapori. L’epopea di una dinastia che incrocia i grandi eventi della Storia. Speranze, paure, dilemmi, gioie, errori e desideri di uomini e donne che con il cuore parlano al cuore.

Guerriera. L’incredibile storia di Bona Lombardi
Luigi Barnaba Frigoli
Rizzoli
In libreria il 28 giugno

La guerra non è faccenda da donne, eppure nel sanguinoso scacchiere dell’Italia del Quattrocento può accadere di tutto, anche che una fanciulla venga addestrata a combattere come un uomo. Il suo nome è Bona Lombardi, ma fra i mercenari della Banda Rossa agli ordini del generale Francesco Sforza tutti la conoscono con il nome di Gabrio. Cuore puro e occhi verdi come pietre di fiume, nel suo sangue scorre la ribellione: contro il destino che spetta alle donne, contro i soprusi degli uomini, contro chi ti attende nell’ombra per strapparti la vita o la dignità. Così, mentre il perverso duca di Milano Filippo Maria Visconti cerca di riportare il proprio dominio con le armi sulle sue terre affidandosi allo Sforza, le imprese di Bona diventano celebri, quanto quelle della quasi contemporanea Giovanna d’Arco. Con la sua astuzia, la guerriera piegherà gli avversari più bellicosi. Con il suo coraggio scenderà nei sotterranei di un oscuro castello della Bretagna, alla ricerca di una preziosa reliquia per conto del re Alfonso d’Aragona, segretamente alleato del Visconti. E con la sua tenacia, Bona difenderà a ogni costo l’amore che la lega a Brunoro di Sanvitale, comandante della Banda Rossa. Attraverso lo sguardo di una guerriera indomita come la Camilla cantata da Virgilio, e ingiustamente dimenticata dalla Storia, Luigi Barnaba Frigoli disegna un affresco avvincente delle trame di potere nell’Italia del XV secolo, teatro di grandi ambizioni e piccole meschinità. Un mondo di guerrieri che celebra unicamente le vittorie degli uomini, nel quale solo uno spirito straordinario come quello di Bona Lombardi può trovare la forza di reclamare il posto che gli spetta.

La grande Roma dei Tarquini
Emma Pomilio
Mondadori
In libreria il 28 giugno

Tarquinia, sei secoli prima di Cristo. Lucumone, giovane e ambizioso mercante etrusco, si invaghisce della nobile Tanaquil, indovina e abile interprete dei segni degli dèi. Contro ogni previsione, riesce a sposarla e i due decidono di tentar miglior fortuna in una città vicina in forte e inarrestabile espansione, Roma. Qui Lucumone, divenuto Lucio Tarquinio, diventa presto l’indispensabile consigliere del re Anco Marcio, pronto a prenderne il posto. Dalla sua discendenza nascerà anche l’ultimo sovrano di Roma: quel Tarquinio passato alla storia come “il Superbo” che fece costruire i più grandiosi monumenti e soprattutto fece uscire l’Urbe dalla dimensione di città-Stato, avviandola verso l’egemonia mediterranea e il suo destino di Città Eterna. Questo volume contiene il romanzo La dinastia segreta, pubblicato nel 2019, incentrato sulle figure di Lucio Tarquinio e di Servio Tullio, e l’inedito La vera storia del Superbo, che racconta le vicende del settimo re di Roma facendo chiarezza sulla leggenda nera che gli è stata costruita attorno nei secoli

Il castello dei falchi neri
Marcello Simoni
Newton Compton
In libreria il 28 giugno

Anno Domini 1233. Dopo aver preso parte alla crociata di Federico II, il nobile Oderico Grifone, ormai diventato uomo, fa ritorno alla dimora di famiglia, una grande magione nella campagna di Napoli. Il rientro, tuttavia, non è dei più felici. Sua sorella, Aloisia, è stata data in sposa a un uomo di dubbia reputazione, mentre Fabrissa, una giovane aristocratica con la quale Oderico, prima di partire per la Terra Santa, aveva intrecciato una storia d’amore, è promessa a un altro. Come se non bastasse, la famiglia sembra essere caduta in disgrazia e il castello, un tempo ricco e prospero, versa ora in uno stato di abbandono. Pur non riuscendo a comprenderne il motivo, Oderico intuisce che la madre, il padre e il fratello minore gli nascondono qualcosa. Qualcosa che riguarderebbe il feudo dei Grifoni, una collina sulla quale in molti vorrebbero mettere le mani a causa di un antico segreto custodito tra i suoi fitti boschi. Nel tentativo di risollevare le sorti della famiglia, Oderico resterà coinvolto, suo malgrado, in una serie di efferati delitti che sembrano avere uno stretto legame col più grande motivo d’orgoglio del suo casato: la nobile arte della falconeria.

La libraia clandestina
Ines Thorn
Tre60
In libreria il 28 giugno

Francoforte, 1946. La giovane Christa è cresciuta tra gli scaffali della libreria di famiglia gestita da suo zio Martin. La sua passione per i libri e la letteratura non si è mai affievolita, neppure durante la guerra, quando la libreria ha chiuso le sue porte a seguito della deportazione di Martin, accusato di vendere libri proibiti. Ora che la guerra è finita lo zio, sopravvissuto ai campi di concentramento, riapre il negozio, e Christa non solo può riprendere le sue amate letture, ma può coronare il suo sogno di iscriversi all’Università per studiare letteratura. Ma proprio quando tutto sembra volgere al meglio, nuovi problemi famigliari, come l’arresto inaspettato di Martin per omosessualità, costringono Christa a rinunciare alla sua grande aspirazione e a occuparsi in prima persona della libreria. Superata l’iniziale delusione, tuttavia, quel sogno infranto si trasforma per lei in un’occasione preziosa per organizzare seminari letterari, circoli di lettura e presentazioni di libri, dando vita al dibattito culturale che ha sempre sognato. In quel luogo, Christa sente di aver trovato finalmente il proprio posto, e forse anche l’uomo della sua vita. Ma le ferite della guerra non si sono ancora rimarginate, e la giovane libraia dovrà usare tutta la sua determinazione per proteggere la libreria e la propria felicità… Attraverso la storia di Christa e della sua libreria, Ines Thorn ci mostra come i libri e la cultura siano strumenti imprescindibili per costruire idee, aprire orizzonti e coltivare la libertà.

La grande storia degli Sforza. La dinastia che fece grande Milano
Carlo Maria Lomartire
Mondadori
In libreria il 28 giugno

Questo volume contiene i tre saggi – Gli Sforza, Il Moro e Gli ultimi duchi di Milano – che Carlo Maria Lomartire ha dedicato alla dinastia che resse il Ducato di Milano tra il 1450 e il 1535, segnando una stagione indelebile nella storia della città lombarda e di tutta la penisola.

Restando fedele alle date, ai luoghi e ai fatti storici, ma con scrittura gustosa nei dettagli e felicemente narrativa, Carlo Maria Lomartire ci racconta le vicende umane e sentimentali che ruotano intorno ai principali protagonisti della famiglia Sforza: da Francesco, figlio illegittimo di un contadino romagnolo, arrivato a conquistare il ducato di Milano, a Ludovico detto «il Moro», il grande mecenate di Leonardo, fino agli «ultimi duchi», l’inetto Ercole Massimiliano e il brillante Francesco II, morto senza eredi. Attorno ai protagonisti l’autore fa rivivere un’intera epoca, piena di rivolgimenti politici e di trasformazioni sociali: l’età dei Comuni è ormai definitivamente tramontata, il Rinascimento si è affermato con i suoi nuovi valori, la prospettiva degli Stati italiani si allarga sempre più, fino a divenire europea. Se è vero, come ha scritto qualcuno, che «la storia è sempre contemporanea», nelle appassionate e turbolente vicissitudini degli Sforza, nelle spietate lotte tra fazioni, negli intrighi di corte come nelle gesta eroiche degli uomini e delle donne descritte in queste pagine, il lettore potrà ritrovare non poche delle caratteristiche, degli splendori e delle miserie, dei pregi e dei difetti dell’Italia e della Milano di oggi: allora come adesso magnifica e cinica, geniale e crudele. Questo volume contiene i tre saggi – Gli Sforza, Il Moro e Gli ultimi duchi di Milano – che Carlo Maria Lomartire ha dedicato alla dinastia che resse il Ducato di Milano tra il 1450 e il 1535, segnando una stagione indelebile nella storia della città lombarda e di tutta la penisola.

I segreti del Tamigi
Susanne Goga
Giunti
In libreria il 29 giugno

Londra, 1894. Dopo la loro avventura nell’inquietante tenuta di Chalk Hill, Charlotte e Tom si sono sposati e da due anni vivono nella capitale. Ma molte ombre incombono sulla loro serenità: il bambino che desiderano non arriva, Tom non riesce più a concentrarsi sull’attività giornalistica e Charlotte sente la mancanza del suo mestiere di istitutrice. Finché il vecchio editore di Tom non gli propone un compito singolare: scrivere una guida sulla Londra dell’occultismo e della magia, che trasporti il lettore nei luoghi più oscuri della città. Tentata dalla prospettiva, Charlotte decide di aiutare il marito esplorando un cimitero lungo il Tamigi dove si trova una misteriosa piramide egizia. E ben presto si imbatterà in un omicidio e in un circolo di signore che praticano strani riti in onore della dea Iside…

Lepanto nel cuore
Riccardo Calimani
La Nave di Teseo
In libreria il 1 luglio

Marco Barbarigo è giovane, attraente, ama ricambiato la dolce cugina Flaminia Corner ma frequenta con disinvoltura anche Bianca Mocenigo e la sua servetta Mariella. Appartiene a una delle famiglie più in vista di Venezia, è ambizioso e desideroso di mettere alla prova il suo coraggio e la sua sete di gloria. L’occasione arriva nel momento in cui la Serenissima, sempre più insidiata nei suoi traffici commerciali dall’Impero ottomano, decide di unirsi alla Lega Santa per affrontare la potenza turca nello scontro navale che passerà alla storia come “battaglia di Lepanto”. Scampato per miracolo, arriva a Costantinopoli e riesce a salvarsi solo grazie a delle misteriose lettere scritte in ebraico. Il ritorno, in una Venezia sospettosa e ricca di intrighi, pone Marco di fronte a nuovi interrogativi sul significato del potere e delle scelte fatte in nome della libertà di pensiero.

Caterina Medici di Brono
Achille Mauri
Officina Libraria
In libreria il 1 luglio

“Caterina Medici di Brono” è un romanzo di Achille Mauri uscito a puntate sull’Indicatore lombardo nel 1829 e poi nel 1831 in volume a Livorno. L’autore descrive la vita di Caterina rendendola un’eroina da romanzo, le cui vicende si intrecciano con la storia di Milano. Nella realtà fu una serva che, prima, ebbe due figlie dal capitano Squarciafico presso cui lavorava, e poi nel 1613 lavorò presso il capitano Vacallo, dalla cui casa fu cacciata perché accusata di aver compiuto un maleficio ai danni del padrone. La fama di strega la seguì e, quando, nel 1616 andò a servizio presso il senatore Luigi Melzi d’Eril, fu accusata di aver causato dei misteriosi mal di stomaco al senatore con alcuni malefici. Nel 1617, dopo essere stata torturata, fu impiccata e bruciata in piazza Vetra. La sua storia è documentata da un riassunto del processo trovato nell’archivio di famiglia Melzi d’Eril. Fu Pietro Custodi ad inserire nella Storia di Milano del conte Pietro Verri, che andava portando a termine una digressione sulla storia di Caterina Medici. Mauri intendeva inserire il suo romanzo storico nel solco delle ricerche verriane e manzoniane sui processi agli untori, contribuendo a raccontare la Milano del primo Seicento e a denunciarne le ingiustizie. Nel Novecento si è occupato della storia di Caterina anche Leonardo Sciascia con il suo La strega e il capitano, facendo luce su qualche punto poco chiaro della vicenda. Mauri intendeva inserire il suo romanzo storico nel solco delle ricerche verriane delle Osservazioni sulla tortura e manzoniane della Storia della colonna infame, contribuendo a raccontare la Milano del Seicento e a denunciarne le ingiustizie, in questo caso in tema di processi per stregoneria.

Quel che onda divide
Maura Maffei
Parallelo45
In libreria il 1 luglio

Irlanda del Nord, estate 1940.
Ciara lavora come decoratrice nella rinomata fabbrica di porcellane di Belleek e si sente da sempre come “una semplice spiga di lavanda tra le rose opulente”.
È la sorella di un prete cattolico e, da un anno, è fidanzata con uno straniero: si chiama Stefano, è italiano e, a sorpresa, l’ha chiesta in moglie, mutando il suo grigio destino in un sogno.
Ma il giorno fissato per le nozze, mentre una folla di curiosi mormora in chiesa, lui non si presenta e Ciara rimane sola davanti all’altare.
Ferita e umiliata, a questo punto pretende una spiegazione e decide di affrontare l’uomo che l’ha ingannata. Parte così per Glasgow, dove Stefano vive. Ciò che scoprirà non sarà un banale tradimento ma il dramma di migliaia di italiane e di italiani che, allora, vivevano da emigrati nel Regno Unito e che Maura Maffei, dopo “Quel che abisso tace”, torna a narrarci in un potente e commosso affresco.

Il caso Agatha Christie
Nina De Gramont
Neri Pozza
In libreria il 5 luglio

«Nel 1926 Agatha Christie sparì per undici giorni. Sono l’unica a conoscere la verità su questa scomparsa. Non sono Hercule Poirot. Sono l’amante di suo marito».
Un giorno di dicembre del 1926, dopo aver comunicato alla moglie Agatha la sua intenzione di divorziare per sposare la sua amante, il colonnello Archibald Christie parte per un weekend presso amici. Quella sera stessa dalla dimora di campagna, ribattezzata Styles dal primo caso di Hercule Poirot, la scrittrice svanisce nel nulla. La sua Morris Cowley viene ritrovata alle prime luci del mattino sul bordo di un dirupo. Sul sedile posteriore, la pelliccia, una valigia piena di abiti e la patente. L’ipotesi più plausibile è un gesto disperato, la signora aveva un forte esaurimento nervoso, si sussurra. Migliaia di uomini, tra poliziotti e volontari, cani, persino aeroplani: tutta l’Inghilterra si mobilita per cercarla, come se l’angoscia che l’ha spinta a fuggire avesse fatto di lei la persona più importante della terra. Persino Nan O’Dea, l’Amante, è in ansia. Nonostante abbia tramato per insinuarsi nella lussuosa residenza dei Christie, per entrare in confidenza con Agatha, che è elegante e raffinata come lei non sarà mai. Nonostante, soprattutto, si sia impegnata a fondo per attirare l’attenzione dell’arrogante colonnello e farlo innamorare. Ora però che lui è caduto nella rete, con il suo obiettivo che può dirsi a portata di mano, Nan ha un altro disegno in mente. Agatha ha qualcos’altro che lei vuole, oltre a suo marito. Perché ciò che le è accaduto tanti anni prima, in Irlanda, le ombre scure, i gravi segreti, i colpi bassi del fato che popolano il suo passato, non possono trovare riparazione, se non in qualcosa di molto più efferato e definitivo. In questa appassionante ricostruzione possibile degli undici giorni in cui la scrittrice scomparve per il mondo, Nina de Gramont crea una trama fitta di mistero e colpi di scena, in cui nulla è come appare, nessuno dice la verità e soprattutto la soluzione potrebbe essere lì in piena vista, alla luce del sole, in perfetto stile Agatha Christie.

Il mistero delle Amazzoni
Hanna Lynn
Newton Cmpton
In libreria il 5 luglio

L’antica città di Temiscira ha una sovrana leggendaria: Ippolita, regina delle amazzoni. Il suo è un popolo di guerriere, temute in tutta la Grecia per lo straordinario valore in battaglia: si dice che sottomettano gli uomini e li utilizzino per la procreazione, che si amputino il seno destro per tirare meglio con l’arco e siano formidabili a cavalcare e con le armi. Ma ci sono pericoli che nessuna arma, per quanto letale, può scongiurare. E quando una nave giunge sulla costa dove Ippolita domina incontrastata, il destino ha già iniziato a tessere la sua tela. Travolta da un amore inatteso e proibito, tanto impetuoso quanto contrario ai doveri di amazzone – ancora prima che di sovrana -, Ippolita fa una scelta dalle conseguenze irreversibili. Sentendosi tradita dalla propria sorella, Pentesilea sarà costretta a salire sul trono al suo posto e lavare via la sciagura che Ippolita ha gettato sul popolo delle guerriere. Dimostrerà al mondo intero, se necessario, che le amazzoni non conoscono alcuna debolezza. E che sfidare la loro ira vuol dire prepararsi a combattere.

L’ora delle stelle. Sorelle di Waldfriede
Corina Bomann
Giunti
In libreria il 6 luglio

La saga più intensa di Corina Bomann è ispirata ai diari di Hanna Rinder, un’infermiera realmente esistita e vissuta tra le due guerre, una storia appassionante come solo la vita vera sa essere.

Berlino 1919. La Grande guerra è finita, ma il cuore di Hanna, giovane infermiera, è oppresso dal dolore per la morte del fidanzato Martin. Il suo più grande desiderio era farsi una famiglia, anche se le regole dell’epoca sono rigide: un’infermiera che decide di sposarsi deve lasciare il lavoro. Non le resta che dedicarsi anima e corpo alla sua vocazione: aiutare gli altri. L’occasione si presenta quando viene assunta all’ospedale di Waldfriede, appena fondato. Ma dovranno passare mesi di duro lavoro, fame e incertezza prima che la clinica sia pronta ad aprire le porte ai suoi pazienti. Grazie alla fede incrollabile del direttore, il dottor Conradi, con cui nasce un’amicizia speciale, Hanna riesce a superare ogni difficoltà, ma proprio quando sente che Waldfriede è diventata la sua casa, il passato torna a metterla alla prova. E anche l’ospedale sembra nato sotto una cattiva stella, in un susseguirsi di intrighi e colpi del destino… La saga più intensa di Corina Bomann è ispirata ai diari di Hanna Rinder, un’infermiera realmente esistita e vissuta tra le due guerre, una storia appassionante come solo la vita vera sa essere.

Per amore di Iside
Christian Jacq
Bompiani
In libreria il 6 luglio

Nel VI secolo d.C. Iside, sacerdotessa del culto pagano dell’omonima dea, all’apogeo della sua giovinezza e della sua bellezza, prova in tutti i modi a difendere il tempio dell’isola sacra di Philae – unico baluardo dell’antica religione – dalle vessazioni di Teodoro, vescovo della provincia di Elefantina, deciso a sradicare ogni culto pagano. Al suo fianco nell’estrema difesa di una saggezza millenaria il compagno Sabni, al quale la lega un amore che ha la forza dell’eternità. La lotta impari tra il cristianesimo e le altre tradizioni religiose viene condotta fino alle estreme conseguenze, fino a un finale emozionante. Un romanzo storico che ci immerge in un’epoca poco raccontata e conosciuta, un inno alla sacralità dell’amore e della devozione.

1795
Niklas Natt och Dag
Einaudi
In libreria il 12 luglio

Tycho Ceton è un uomo braccato – dagli uomini e dalle conseguenze dei suoi crimini. Ha visto ciò che i suoi nemici sono capaci di fare e adesso per sopravvivere è disposto a tutto. Intanto, la famiglia reale è decisa a soffocare per sempre la ribellione che la minaccia. Si dice che esista una lista dei cospiratori e che a possederla sia Anna Stina Knapp. Emil Winge vuole fermare Ceton e Cardell è deciso a salvare Anna Stina. Ancora una volta stringono un patto, ancora una volta, l’ultima, dovranno lavorare insieme, districandosi con scaltrezza tra vicoli fetidi e palazzi lussuosi e corrotti, all’interno di trame piú vaste di loro. Un ultimo grande affresco, un ultimo grande thriller per concludere una trilogia i cui protagonisti sono Stoccolma e il suo passato tanto quanto i personaggi che i lettori hanno imparato ad amare, e temere.

La libraia di Dachau
Shari J. Ryan
Newton Compton
In libreria il 12 luglio

Germania, 1940. Sotto il regime nazista, ogni giorno scompaiono persone innocenti, strappate alle loro case e ai loro cari. Così, quando Matilda scopre che Hans, di cui è perdutamente innamorata, è in pericolo, non esita a nasconderlo in soffitta. È disposta a tutto pur di proteggerlo, anche se ciò significa andare incontro a mesi di paura e privazioni, rischiando la vita. Nonostante le accortezze di Matilda, però, l’orrore irrompe in casa sua, travolgendo ciò che ha di più caro… America, 2018. Grace apre senza pensarci una busta giallo senape, appena arrivata con la posta, e fa una scoperta sconvolgente: ha ereditato una libreria nella piccola città di Dachau, in Germania. A lasciargliela è stata la nonna materna, una donna di cui lei non ha mai saputo nulla. Sua madre infatti, adottata da bambina, ha passato la vita a cercare i genitori biologici, ed è morta senza riuscirci. Ansiosa di scoprire qualcosa in più sulla sua famiglia, Grace parte per raggiungere la piccola libreria e ben presto si ritrova immersa in un mondo di ricordi gelosamente custoditi. Tra fotografie sbiadite e lettere scritte a mano, a poco a poco emerge la sconvolgente storia di una giovane donna che, nonostante abbia visto il suo unico vero amore rinchiuso oltre il filo spinato di un campo di concentramento, non ha mai perso la speranza. Un amore puro e immortale vissuto oltre il filo spinato.

Fine di una dinastia. La saga dei Borgia
Alex Connor
Newton Compton
In libreria il 12 luglio

Grazie agli strumenti della corruzione e dell’intimidazione, Rodrigo Borgia è riuscito a diventare papa, e la sua prole illegittima ha preso possesso del Vaticano. Con l’autorità e l’aggressività che lo contraddistinguono, Alessandro VI mette il figlio Juan a capo dell’esercito pontificio, forza il primogenito Cesare a intraprendere la carriera ecclesiastica e destina la figlia Lucrezia a un matrimonio vantaggioso per la famiglia. Nonostante siano all’apice del trionfo, i Borgia sono circondati da nemici, e il papa deve fare affidamento sulle spietate macchinazioni di Cesare per mantenere il suo controllo su Roma. Ma la brama di potere del suo primogenito è smodata: Cesare aspira a essere un condottiero, non certo un religioso. Sarà proprio l’ambizione di Cesare, nella sua continua competizione con il fratello Juan, a mettere in pericolo tutto ciò che Rodrigo Borgia ha costruito. E mentre i regni di Francia e di Napoli minacciano Roma, il cardinale Giuliano della Rovere si allea col fanatico Savonarola per rovesciare il papato. In grave pericolo, i Borgia sono minacciati da acerrimi nemici, rivali vecchi e nuovi. Per proteggere l’eredità della sua famiglia, il Principe Nero di Roma, isolato e messo alle strette, rischierà tutto in un’ultima, sanguinosa battaglia.

L’erborista di corte
Lisa Laffi
Tre60
In libreria il 15 luglio

Napoli, 1414. Costanza Calenda, figlia di un famoso medico di Salerno, ha sempre sognato di seguire le orme del padre ed esercitare l’arte medica. Tuttavia, sa perfettamente che il suo destino è quello di sposarsi, in un mondo che vuole le donne soltanto mogli e madri. Anche il padre, Salvatore, è di questo avviso, ma quando si reca alla corte di Napoli per curare il re in punto di morte, le consente di assisterlo. Per Costanza è l’occasione per mostrare a lui e alla futura regina, Giovanna II, i rimedi e le cure apprese di nascosto nella bottega di uno speziale. Giovanna ne rimane talmente colpita, che insiste perché la ragazza studi per diventare il suo medico personale. Ma poiché alle donne non è permesso frequentare l’università, Costanza dovrà proseguire gli studi in un convento a Bologna, lontana da casa e soprattutto dal giovane Baldassarre Santomango, l’affascinante nobile salernitano che le ha colpito il cuore… Terminati gli studi, Costanza torna a Napoli per restare accanto alla sovrana; ne diventa l’amica e la confidente, scoprendo che Giovanna è circondata di nemici che tramano contro di lei. Nel frattempo Costanza ritrova Baldassarre e si accorge di amarlo più che mai. Forte del suo sostegno, la giovane fa di tutto per difendere la regina dagli intrighi di corte, e lei in cambio le permette di accedere all’Università di Napoli: potrà discutere la tesi in medicina, e diventare la prima donna laureata al mondo…

Il mistero Caravaggio. Per un quadro si può uccidere
Annalisa Stancanelli
Mursia
In libreria il 16 luglio

Un brutale omicidio a Milano innesca una spirale di violenza legata da un filo rosso invisibile: Caravaggio e i suoi dipinti perduti. La vittima è una gallerista olandese, orrendamente mutilata. Quando a Siracusa un senzatetto, accusato di un furto d’arte in una Chiesa, viene trovato ucciso, mutilato e marchiato a fuoco con lo stesso simbolo della donna assassinata a Milano, dal comando centrale europeo che vigila sui crimini legati al mondo dell’arte parte un ordine: creare una squadra speciale. Tony Romano, responsabile del distaccamento di Siracusa del nucleo tutela patrimonio artistico dei carabinieri, viene richiamato a Roma e incaricato della complessa inchiesta. Non sarà solo, insieme a lui indagheranno un’esperta d’arte svizzera, affascinante quanto pericolosa, e uno studioso di antropologia e folklore siciliano, coinvolto perché il simbolo del killer è un antico serpente, al centro di una terribile leggenda barocca.

La mia liberazione. Memorie di un mondo scomparso Genova-Alassio 1940-1945
Carla Preve
Edizioni Cinque Terre
In libreria il 18 luglio

“Si è accorta di aver detto più volte Liberazione invece di sfollamento?” mi chiese il professore Musatti, all’inizio della mia analisi didattica, mentre gli raccontavo la storia dei primi anni della mia vita. “No, be’… sì.” “Cosa le suggerisce?” Ci pensai un po’ e poi risposi: “In fondo per me lo sfollamento è stato l’inizio di una grande Liberazione!” […] “Sono trascorsi tanti anni e ho assistito al sorgere e al tramontare, in noi e nelle società, di tirannie, dogmi, ideologie, credenze, pregiudizi, illusioni, e penso di aver forse compreso che la Liberazione è un processo senza fine.” Il discorso di Mussolini del 10 giungo 1940, i bombardamenti di Genova, lo sfollamento ad Alassio, la Liberazione, le fucilazioni e insieme a tutto questo le piccole abitudini del quotidiano, la scuola, gli esami, le paure, la meraviglia, l’incoscienza di chi si affaccia alla vita, e la interroga, nonostante l’incombere della guerra. La felice sorpresa del libro di Carla Preve, psicoanalista genovese. Lo sguardo disincantato di una ragazzina è più forte di qualsiasi interpretazione storica. Soprattutto quando, come in questo caso, diventa racconto di emozioni autentiche, reso in uno stile vivace e ricco di sfumature ironiche.

La sposa di Valleargentina

Giovanna Barbieri
Land Editore
In libreria il 18 luglio

Milano, primavera 1494

Guglielmo è un soldato di ventura che del mondo ha conosciuto solo la brutalità. Tutto sta per cambiare quando incontra per la prima volta lo sguardo di Claire, dama dall’aspetto etereo e dalla volontà di ferro, sola al mondo e bisognosa di protezione. Guglielmo la desidera, e non solo per una notte… ma le sue origini bastarde lo frenano dall’aprirsi completamente con lei, al punto da nasconderle un segreto capace di compromettere per sempre le loro vite. Claire è spaventata da quel soldato ombroso ed enigmatico, ma l’alternativa al seguirlo sarebbe esporsi a una Milano imprevedibile e violenta, dove una donna sola ha ben poche chance di sopravvivere. Quando l’ombra della morte sconvolgerà le loro giovani vite, Guglielmo e Claire capiranno che solo stando insieme saranno in grado di affrontare un’Italia sconvolta dalle guerre interne e da nemici imprevedibili.

La donna con il vestito a righe
Ellie Midwood
Newton Compton
In libreria il 19 luglio

Auschwitz, 1942. Helena scende dal treno su cui ha viaggiato ammassata insieme a tantissime altre persone. Sotto i suoi piedi la terra ghiacciata scricchiola. Davanti ai suoi occhi, l’inferno. Sa che non le resta molto tempo, che la sua morte è prevista per l’indomani. Accusata di un crimine che non ha commesso, si prepara a subire l’ennesima ingiustizia della follia nazista. E così, quando un ufficiale marcia verso di lei, strattonandola per portarla via, non oppone la minima resistenza. Ma, contrariamente a quello che si aspetta, il soldato le ordina di seguirla all’interno della caserma delle SS per cantare. Il contrasto tra l’atmosfera gelida e brutale del campo e il confortevole calore negli alloggi dei suoi aguzzini è straziante. Helena, stordita e provata dal viaggio, obbedisce agli ordini, ma non si rende conto immediatamente di quello che sta succedendo. Perché Franz, la guardia per cui ha cantato, annulla la sua esecuzione. E quella decisione ha il potere di condizionare in modo impensabile il corso della sua vita.

L’enigma di Leonardo
Luca Arnaù
Newton Compton
In libreria il 22 luglio

1482. Firenze è ormai sull’orlo della guerra con Milano e la città vive giorni di grande tensione. A peggiorare la situazione, un terribile delitto si consuma in piazza di Santa Maria del Fiore, davanti a una folla di attoniti concittadini: il gonfaloniere Ridolfi viene ucciso dal colpo di una modernissima arma da fuoco. Oltre al prestigio della vittima, crea sconcerto la modalità dell’omicidio: le armi da fuoco sono poco usate e tutt’altro che potenti e precise. A indagare sulla macabra esecuzione viene chiamato ancora una volta il giovane Leonardo da Vinci. Affiancato dal fedele aiutante, Iacopo Bencini, il geniale investigatore si ritrova ben presto alle prese con una catena di delitti che sembra condurre allo stesso abilissimo assassino. Mentre cerca di trovare il bandolo della sanguinosa matassa, Leonardo viene avvicinato da un agente del misterioso Uffizio del Silenzio, un’organizzazione segreta che risponde direttamente a Lorenzo de’ Medici. Grazie al suo aiuto, il giovane da Vinci capisce che la minaccia che sta affrontando viene da molto, molto lontano…

Folisca
Miriam D’Ambrosio
Arkadia
In libreria il 22 luglio

Non sarà la sua voce a salvarla. È una notte d’estate del 1913 e una ragazza che sogna di riscattare la sua vita viene presa a calci e pugni da chi per mestiere dovrebbe far rispettare la legge. Il potere che diventa arbitrio, per arroganza. Diranno che quello che è successo non è mai avvenuto. Diranno che era solo una prostituta, una poco di buono, troppo vicina al mondo del malaffare, una poveretta che si è suicidata con il veleno usato da quelle come lei. A smentire la versione ufficiale, con i fatti, è il giornalista che non ti aspetti, quando ancora credeva nella verità. È il direttore del quotidiano socialista e presto farà tremare il mondo. Questa è la storia di Rosetta Andrezzi, personaggio realmente esistito, una giovane sciantosa fragile e affascinante. Nei teatri italiani la conoscono come Rosetta di Woltery e in tanti scommettono sul suo talento. Il suo nome verrà ricordato per sempre nelle canzoni della mala milanese, la leggendaria ligera. È una storia d’amore, di destini e di ingiustizia. Sullo sfondo c’è la Milano della Belle Époque, la magia dei café chantant, la vivacità artistica di giovani letterati che si tuffano nella modernità, i sogni di una generazione che si sta avviando verso l’apocalisse della Grande Guerra, le contraddizioni di una democrazia immatura che presto verrà soffocata dalle sue paure. Al funerale di Rosetta, celebrato in chiesa (nessuno crede al suicidio) le prostitute vanno a salutarla vestite di bianco e con fiori chiari. Lei avrebbe compiuto diciotto anni dopo qualche giorno. Per l’amore della sua breve vita resterà per sempre Folisca, la scintilla che accende il cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.