Narrativa recensioni Uncategorized

Uno di meno – Lorenzo Beccati

È il 1584 quando il doge, Gerolamo Chiavari durante una battuta di caccia sulle alture di Genova vede decimati i suoi splendidi molossi da qualcuno, abilissimo a nascondersi e a sottrarsi al fiuto degli animali. Ben presto l’inseguimento si trasforma in una caccia all’uomo ed è con stupore che il doge e i soldati che lo accompagnano, scoprono che a tenerli in scacco è stato un ragazzo che dice di chiamarsi Grifo.

Narrativa recensioni Uncategorized

Il bastardo – Daniela Piazza

Francia del XIII secolo. Qui si aprono le vicende del nuovo romanzo di Daniela Piazza “Il bastardo” a cura della nuova realtà editoriale Altrevoci. Dopo gli altri romanzi dell’autrice, ambientati in epoca rinascimentale, questa nuova pubblicazione ci riporta qualche secolo prima in quel Medioevo fatto di cavalieri, nobili, dame, crociate, battaglie e reliquie.

Narrativa recensioni Uncategorized

Italico – Elsa Flacco

Tra i vari personaggi che vissero e agirono durante gli ultimi anni della Repubblica romana e che furono a fianco di Giulio Cesare, vi fu anche Asinio Pollione l’Italico del titolo del romanzo di Elsa Flacco.Il romanzo percorre una parte della sua vita cogliendolo, nel 60 a.C., quando giovanissimo, inizia a frequentare, insieme al fratello Gneo, il circolo dei poeti più famosi dell’epoca.

Narrativa recensioni Uncategorized

Il convento dei segreti – Giada Trebeschi

Un segreto cessa di essere tale quando più di una persona ne viene a conoscenza. In quel preciso istante, il segreto è messo a rischio e può facilmente uscire dal confine di sicurezza e diventare notizia in pubblica in poco tempo. Credo si tratti di un assunto perfettamente coerente con il nuovo romanzo di Giada Trebeschi “Il convento dei segreti” per Newton Compton Editori.

Narrativa recensioni Uncategorized

Nemesi. Roma non dimentica – Riccardo Sciuto

Che cosa si cela dietro il mistero incorruttibile, inestricabile, indissolubile che i romanzi storici ci ispirano? La passione, senza alcun dubbio. La memoria tiene vivo il fuoco del ricordo attendendo l’alba della giustizia, della verità, esalta il vivo desiderio degli storici i quali disegnano nuovi contorni, ma senza cambiare le traiettorie della Storia.