Curiosità Viaggio nella storia

La statua della Libertà. Quante ne sai su di lei?

Il 28 ottobre del 1886 fu inaugurata la Statua della Libertà; da allora è uno dei monumenti più importanti che si conoscano.
Noi di TSD vogliamo celebrare questo compleanno un po’ speciale con una carrellata di notizie e curiosità su di lei. Tu le sai tutte? Mettiti alla prova.


La statua della Libertà è stata donata dalla Francia agli Stati Uniti in occasione del centenario dell’indipendenza americana dagli inglesi avvenuta il 4 luglio 1776.
Il suo nome completo è “Liberty Enlightening The World” (La Libertà che illumina il mondo)


La statua venne in un primo momento assemblata in Francia, poi smontata, divisa in 300 pezzi rinchiusi in 214 casse e caricati a bordo della nave mercantile Isere. La nave arrivò a New York il 17 giugno 1885 dopo un viaggio  dove ha rischiato di naufragare a causa di una tempesta.  


Ci vollero nove anni per completare la sua costruzione


Lo scheletro metallico della Statua, fatto di rame e di acciaio, è opera dell’autore della altrettanto famosa Torre francese, Gustave Eiffel. La parte scultorea è stata realizzata da Frederic Auguste Bartholdi, che nel viso della Statua della Libertà ha voluto riproporre quello della madre, che si chiamava Charlotte.


La Statua della Libertà ha dimensioni gigantesche, il che la rendono visibile a 40 chilometri di distanza da New York; è la statua più alta degli Stati Uniti mentre nella classifica mondiale delle statue più alte si colloca al ventisettesimo posto.
Le sue misure sono capogiro. È alta ben 46 metri – che diventano 93 calcolando anche il piedistallo – e pesa 225 tonnellate.
I sandali che si intravvedono calpestano una catena, come richiamo al senso di indipendenza e libertà contro l’oppressione; se fosseroveri avrebbero il numero 879, sarebbero lungh circa 7,6 metri.


Le sette punte della corona in testa alla statua rappresentano i 7 continenti e i sette mari.
È decorata con 25 gemme, che determinano le 25 finestre da cui i visitatori possono osservare la città.
A rappresentare la libertà conquistata, invece, è la torcia, che, nel 1984, è stata sostituita con una tutta d’oro.


Il caratteristico colore verde con cui la conosciamo, dovuto all’ossidazione del rame, non emerse fino al 1900


Per arrivare alla corona si devono salire 357 gradini che non spaventano i visitatori: ogni anno, infatti, vi accedono circa 4 milioni di visitatori.


Le tavole che la statua ha in mano riportano la data della Dichiarazione di Indipendenza Americana in numeri romani, 4 luglio 1776.


Si stima che, ogni anno, la statua venga colpita da oltre 600 fulmini!


Nel 1984 è stata dichiarata dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *