Narrativa recensioni

Scandalosi amori e Pinocchio – Vito Costantini

Recensione a cura di Luigia Amico

Carlo Collodi, pseudonimo di Carlo Lorenzini, è stato uno scrittore e giornalista vissuto tra la prima e la seconda metà del 1800, grazie al suo celebre romanzo per ragazzi “Le avventure di Pinocchio”, è tutt’oggi l’autore italiano più letto all’estero.

Scandalosi amori e Pinocchio” di Vito Costantini ripercorre in forma autobiografica la vita privata e sentimentale dello scrittore fiorentino, infatti sono molte le donne ad aver catturato l’attenzione e il cuore di Collodi, scapolo impenitente e ambito. 
Alla sua morte, avvenuta nel 1890, il fratello Paolo rinviene tra i carteggi di Carlo lettere scomode, che avrebbero compromesso la reputazione di molte donne e gettato fango sulla reputazione del fratello; Paolo decide così di ridurre in cenere la prova tangibile dei vizi e della vita libertina del fratello, soprattutto per preservarne la memoria.

Mi vedo per quello che sono, un uomo al tramonto con molti ricordi e numerose lettere delle proprie amanti conservate in un cassetto. Non rimpiango nulla della mia vita trascorsa e considero la nostalgia un vestito troppo stretto da indossare.

Se si pensa al nome Collodi viene spontaneo associarlo al burattino che ha incantato milioni di lettori, ma nel suo libro Costantini, oltre a descrivere la nascita del famoso capolavoro, attraverso “la voce” dello stesso scrittore, rende evidente un aspetto insolito: la passione che Carlo aveva per le donne. Un po’ come il suo Pinocchio, il giornalista insegue i piaceri della vita, è debole alle tentazioni; al lettore è presentata la quotidianità di Lorenzini che racconta, come se si trovasse di fronte ad un pubblico, i suoi anni in seminario, il rapporto di amore incondizionato con la madre, le due guerre di indipendenza a cui partecipa da volontario, fino ad arrivare al suo lavoro di scrittore e giornalista.

Con capacità ammaliatrici e da conquistatore, Collodi non ha molte difficoltà ad incantare e a far cadere ai suoi piedi attrici di teatro, spettatrici, giovani ragazze e donne sposate. Ogni capitolo ha come titolo il nome di una delle sue conquiste: Amelia, Luisa, Gianna, Giulia giusto per citarne qualcuna, ma la sua non è solo la ricerca di un piacere carnale a cui certamente non rinuncia, Carlo corteggia le sue donne, è affascinato dai loro pensieri, ama l’essenza femminile intrisa in ognuna di loro. È un Collodi inedito quello che il lettore incontrerà in questo romanzo e di cui difficilmente si parla nelle varie biografie in circolazione.

Ero fermamente convinto e lo sono tuttora, che lo stupore iniziale dei sensi provocato dal contatto di una fanciulla, senza che vi sia l’epilogo finale e voluttuoso del congiungimento dei corpi, può provocare emozioni così intense da farti sentire il fuoco dell’amore fuoriuscire dalla materia in fiamme e salire in alto fino a raggiungere la più alta forma di spiritualità.

Lo ammetto è stato difficile immaginare l’artefice di meravigliose opere che hanno incantato milioni di ragazzi come un tombeur de femme, un donnaiolo come lo hanno definito in molti, ma non bisogna mai dimenticare che prima di essere uno scrittore, un giornalista Carlo Lorenzini, alias Carlo Collodi, è stato semplicemente un uomo, con i suoi vizi e le sue virtù.

Il desiderio di una donna per me è quasi una malattia ed io sono per natura un recidivo.

La lettura scorre fluidamente grazie ad uno stile di scrittura pulito, semplice, con l’assenza di artifici linguistici che avrebbero reso la narrazione pesante. La parte conclusiva del romanzo è sicuramente quella che regala un’emozione in più grazie ad un escamotage narrativo degno di nota, un ennesimo merito alla capacità dell’autore di catturare l’attenzione del lettore.

Trama
Carlo Lorenzini, in arte Collodi, fu giornalista e scrittore. Autore del celeberrimo Pinocchio, ebbe numerose relazioni amorose. Alla sua morte il fratello Paolo, rivedendo le carte che aveva lasciato, trovò una quantità di lettere di amanti. Leggendone alcune che avrebbero potuto compromettere signore ancora viventi e molto note, egli prese la decisione di dar tutto alle fiamme. Il romanzo “Scandalosi amori e Pinocchio” ripercorre in forma autobiografica l’intera esistenza dell’autore toscano, ricostruendone in particolare l’intensa vita amorosa e sentimentale, nonché le fasi dell’ideazione del suo capolavoro per il quale, dopo la pubblicazione, immaginò probabilmente un finale differente da quello che oggi conosciamo.

Editore: ‎ Youcanprint (21 gennaio 2021)
Lingua: ‎ Italiano
Copertina flessibile: ‎ 158 pagine
ISBN-13: ‎ 979-1220315005
Link di acquisto cartaceo: Scandalosi amori e Pinocchio

Link d’acqusito e-book: Scandalosi amori e Pinocchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.