Gianluca Stisi: ha frequentato lo storico liceo Giulio Cesare e ha conseguito la Laurea in Lettere presso l’Università La Sapienza di Roma. Giornalista iscritto all’albo dei Pubblicisti, ha lavorato nel campo dei media sportivi per diversi anni, decidendo poi di dedicarsi alla passione della storia, scrivendo romanzi. “Sangue sul Foro” (edito nel 2018) è il secondo volume della collana di gialli a sfondo storico dedicata all’investigatore romano Quinto Valerio Probo. Della stessa serie: “La disgrazia della Domus Curzia” edito nel 2017 Usando solo 5 aggettivi descrivi che scrittore sei Sono uno scrittore onesto con il lettore: non amo essere preso in giro e quindi cerco di non farlo nemmeno nei mei libri. Credo di essere molto accurato nelle ricerche e nella stesura del testo, passionale nell’approfondimento psicologico dei personaggi, ma non propriamente sintetico, soprattutto quando si tratti di descrivere gli usi e costumi di un particolare periodo storico. Ma soprattutto sono uno scrittore coraggioso perché, nonostante l’assenza di una casa editrice disposta a scommettere su di me, ho voluto ugualmente tentare la strada del self-publishing con discreti risultati. Una motivazione che convinca il lettore a leggere i tuoi libri In assenza di registrazioni audio/video, impronte digitali, medici legali, tabulati telefonici e tracciabilità bancaria, come si sarebbe comportato un “investigatore” nell’antica Roma? Nelle mie opere la trama del giallo proverà a confondersi indissolubilmente con quella del romanzo a sfondo storico, tentando di accontentare gli amanti di entrambi i generi letterari. Se amate il viaggio, prima ancora della meta, certamente potrete apprezzare questa nuova collana di romanzi che vi accompagneranno nell’antica Roma, facendovi passeggiare a fianco del Pretore Probo e provando a farvi dimenticare per qualche ora la modernità e la vita di tutti i giorni. Dacci la tua citazione preferita dei tuoi libri Una giustizia assoluta è un’assoluta ingiustizia. (da La disgrazia della domus Curzia) A Roma tutto si compra. (titolo del capitolo V, di Sangue sul foro) Cosa significa per te la Storia? La Storia ci insegna chi siamo e perché. È una delle materie più importanti da studiare non solo perché maestra di vita, ma soprattutto per ricordarci sempre un importante assunto: non siamo altro che nani sulle spalle di giganti. Perché hai deciso di partecipare a Scripta Manent? Non avevo mai partecipato ad avvenimenti di questo tipo, ma credo possano essere un buon mezzo per farsi conoscere dal pubblico e per confrontarsi con altri autori o case editrici. Questi i libri di Gianluca Stisi a Scripta Manent

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *