Narrativa recensioni

Figlia di Roma – Adele Vieri Castellano

“Figlia di Roma” è il quarto e ultimo libro della serie Roma Caput Mundi di Adele Vieri Castellano.

Anche se parte di una serie, questo romanzo come gli altri è una storia indipendente che si apre sullo scenario della Britannia, provincia lontana dell’Impero Romano. Le vicende si svolgono tra il 61 e il 63 d.C. all’epoca in cui sul trono imperiale sedeva Nerone.

Narrativa recensioni

Il ballo delle pazze – Victoria Mas

Nel suo romanzo di esordio, Victoria Mas dà voce a quelle donne a cui tutto è stato tolto perché considerate ingombranti, scomode. Alla Salpêtrière si entra e non si esce più, se non in rari casi, e le giornate scorrono tutte uguali tra passeggiate nel parco e ore trascorse chiuse in camera, ma c’è un evento che annualmente prende vita nel manicomio e che rianima le recluse…

Narrativa recensioni

Viteliù. Il nome della libertà – Nicola Mastronardi

Ci sono storie che, come i quanti che fluttuano nello spazio, vagano vivendo dei propri salti quantici nel loro non tempo e, quando lo desiderano, scelgono un umano con caratteristiche che gli piacciono e attraverso la passione, la determinazione, la capacità letteraria del prescelto si lasciano apparire e sono storie magiche!

Una di esse è “Viteliù. Il nome della libertà”, di Nicola Mastronardi, edizioni Itaca.

Narrativa recensioni

Assassini! L’ultima notte di Zola – Jean-Paul Delfino

L’autore provenzale, Jean-Paul Delfino, ha condotto un importante e approfondito lavoro di ricerca, che lo ha portato a immaginare nel suo libro quanto avvenuto quella tragica notte. Zola ripercorre i tratti salienti della propria vita, come si usa dire si faccia nel momento in cui stiamo per prenderne commiato, e analizza tutti i possibili “nemici” che avrebbero potuto desiderare la sua morte.

Narrativa recensioni

Il ritorno della luce. Horemheb scriba, generale, faraone – Christian Jacq

La polvere del deserto avrebbe a poco a poco ricoperto tutto e solo gli sciacalli avrebbero girovagato fra le rovine che raccontavano del dio Aton. Una rivoluzione religiosa come quella perseguita da Akhenaton tuttavia non poteva essere spazzata via con la scelta di un nuovo sovrano e il ritorno al culto di un tempo, chi aveva creduto nel luminoso disco solare, non avrebbe accettato semplicemente di dimenticare.
La “Storia” è già scritta ma Jacq la trasforma in un romanzo avvincente, fra spie, camuffamenti, incontri clandestini, scontri ai confini e veleni.