Narrativa recensioni

Il cardo e la spada – Elisabetta Sala

Recensione a cura di Roberto Orsi

La morte aveva piantato le tende in Germania. Si moriva prima del tempo, tutti i giorni: di fame, di guerra, di peste.

Germania, XVII Secolo. L’Europa centrale è scossa da un conflitto sanguinoso che passa alla storia come la Guerra dei Trent’anni. Tra il 1618 e il 1648 papisti e luterani, per semplificare le fazioni in gioco, si danno battaglia in un sempre più frammentato Sacro Romano Impero. Un conflitto che, se pur nato su concetti religiosi, piano piano va a inquadrarsi in un contesto di egemonia politica e di potere nell’eterno scontro franco-asburgico.
Una delle guerre più sanguinose della storia, fatta di saccheggi, razzie, carestie ed epidemie che accrebbero la potenza devastatrice.

Il romanzo di Elisabetta Sala, si inserisce tra le due fasi definite “danese” e “svedese”, tra il 1626 e il 1635, la seconda e terza fase in cui usualmente viene suddiviso il conflitto. Mentre gli eserciti distruggono e saccheggiano le città della Germania, l’autrice ci racconta la vita di diversi personaggi coinvolti in drammatiche situazioni che la vita pone loro davanti.

La corazza da mercenario che si era costruita con cura, placca dopo placca, giorno dopo giorno, era stata perforata in un istante da qualcosa di feroce come la morte, come la guerra.

Facciamo quindi la conoscenza di Rose, prostituta scozzese al seguito degli eserciti in guerra. Quando mette alla luce due gemelli, un maschio e una femmina, il primo dei quali venduto come la peggiore merce per qualche tallero a un signorotto locale, si trova davanti a un bivio. Abbandonare anche la figlia Helga o tenerla con sé e cambiare vita? Tornare in Scozia, nelle terre natie? La strada è difficile e pericolosa. Le città bruciano e Rose è costretta a girovagare per le terre tedesche cercando di sopravvivere.

Brian Ferguson è un soldato inglese, tra le linee dei protestanti, stanco di una guerra che non ha mai sentito davvero sua. Assuefatto al sangue, alla morte e distruzione anche di persone innocenti, Ferguson è alla ricerca di sé stesso e di un nuovo posto nel mondo. L’incontro con Rose sarà un raggio di luce, nell’inferno in cui è precipitato.

Le vicende dei tanti protagonisti del romanzo si intrecciano in un contesto difficile. Eserciti di mercenari, assedi e battaglie sanguinolente, epidemie e morte, fanno da sfondo a un romanzo che è qualcosa di più. È un romanzo di sentimenti, di riscatto e rivalsa, di speranza e salvezza.

Salvezza fisica ma anche salvezza dell’anima. Padre Friedrich Spee è un gesuita in missione tra i protestanti per riportarli sulla via del Signore. In un contesto di paura alimentata da superstizioni che affondano le radici nei secoli, Spee intraprende una personale lotta all’inquisizione, spietata e feroce nella caccia alle streghe di quegli anni. Personaggio realmente esistito, è autore di un’opera molto importante quanto discussa e osteggiata dal clero di quel tempo. “Cautio criminalis, seu de processibus contra sagas“, è un’indagine dettagliata sui processi per stregoneria, basata sulla sua esperienza personale come “confessore delle streghe” a Bamberga e a Würzburg, nell’attuale Baviera.

Così, dopo aver molto pregato e molto riflettuto, padre Spee aveva cominciato a stendere un trattato contro i processi per stregoneria, contro l’uso della tortura, contro gli sciocchi pregiudizi e le superstizioni che la gente impaurita scambiava per senso religioso.

Axel è un giovane soldato agli ordini del comandante protestante Dietrich von Falkenberg. Un giovane che racchiude in sé tutti gli ideali degli uomini della sua età. La voglia di mettersi in mostra, di dimostrare il proprio coraggio, di diventare qualcuno per il proprio signore e di distinguersi in battaglia, fanno presto i conti con la realtà dei fatti. Una disillusione che lo coglie improvvisamente, allorquando gli eventi di guerra gli spalancano gli occhi su un’evidente terribile prospettiva.

Elisabetta Sala intreccia molto bene le vicende di tutti questi personaggi, portando il lettore tra le tragiche pagine di storia, dove è il sangue a farla da padrone. Lo stato d’animo di tutti loro viene messo a nudo in tonalità di colori che rimangono impressi.

Uscì a guardare le stelle. Le avrebbe riviste, domani sera? Non era paura, la sua, solo realismo. Le avrebbe riviste li dov’era, oppure dall’altra parte di quella coperta di tenebre?

I demoni interiori del soldato alla vigilia di una battaglia, l’apprensione per il futuro dei propri figli, la ribellione nei confronti di chi ci guida, siano essi comandanti degli eserciti o i capi di una congregazione religiosa, sono tanti i temi che vengono affrontati dall’autrice.

“Il cardo e la spada” è un romanzo che vuole celebrare la speranza nel dolore, la vita nella distruzione. Dieci anni di storia in cui è racchiuso il percorso di personaggi che crescono e cambiano. Si segue la loro parabola di uomini e donne in cerca di un posto nel mondo. Persone che sfuggono alla devastazione fino all’epilogo della loro storia.

Trama
Münden, bassa Sassonia, 1626. Prìncipi e generali devastano la Germania con immense armate, mentre la povera gente annaspa per sopravvivere. La prostituta Rose, bella e combattiva, dopo una vita di umiliazioni al seguito degli eserciti cerca una via di redenzione, ma il destino le pone una scelta complicata. Brian, nauseato e ormai assuefatto al sangue, combatte per professione interrogandosi sull’onore e il senso ultimo dell’esistenza. L’amore tra queste due anime in cerca di riscatto è messo alla prova dai fantasmi del passato e dalle violenze del presente. Il loro cammino s’intreccia a quello di molti personaggi, come il padre gesuita Spee, che contrasta gli ingiusti processi per stregoneria e offre un’ancora di salvezza ad appestati e derelitti, o il piccolo Axel che medita vendetta dopo aver perso il suo signore nell’assedio di Magdeburgo… Il cardo e la spada è un affresco in chiaroscuro sulle contraddizioni della Storia e del cuore umano, tra orrore e speranza, desideri e delusioni, tormento e inaspettata luce.


Editore: ‎ Ares; (1 aprile 2021)
Copertina flessibile: ‎ 320 pagine
ISBN-10: ‎ 8892980467
ISBN-13: ‎ 978-8892980464
Link di acquisto cartaceo: Il cardo e la spada
Link di acquisto ebook: Il cardo e la spada

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *